FASI E TECNICHE DI LAVORO – 2 « Angelique Colté – Illustrations

FASI E TECNICHE DI LAVORO – 2

Una volta che gli schizzi sono scelti e approvati inizia la seconda fase di lavoro, quella del disegno “costruito”, che viene eseguito con tecniche manuali in tre passaggi successivi:

1. I volumi e la topografia sono costruiti a matita, righe e squadre a partire delle planimetria e cartografie a disposizione, in prospettiva o in assonometria.

Il paesaggio e le figure sono disegnate a mano libera.


A volte un montaggio fotografico serve di base per il disegno a matita delle figure.

Diversi incontri con i ricercatori servono durante questa fase per inserire, completare e aggiustare ciascun dettaglio.
__________

2. Segue allora la fase a china con una punta molto fine (0,1 mm) che permette una definizione maggiore di ciascuna linea.

__________

3.

La terza fase consiste nella colorazione della tavola con acquarelli applicati a pennello. A volte questo lavoro a pennello è preceduto da un passaggio all’ aerografo per le superfici più grandi.

Grazie a Alice Miano, esperta dell’aerografo che quando serve esegue una base di colore indispensabile alla qualità finale.

Il materiale prodotto è allora scansionato ad alta risoluzione (da 400 a 600 dpi) e poi stampato in grandi dimensioni per l’esposizione in sala o sul sito stesso.
Può servire anche per pubblicazioni, brochures…ecc.

Esempio: qui sotto le fasi di realizzazione del disegno di restituzione delle terme di Nasium in Lorena:


La planimetria a disposizione.


A partire dalla planimetria realizzazione di schizzi, studio dei volumi.


Correzioni da fare comunicate dall’archeologo.


Costruzione a matita dell’edificio.


Disegno ripassato a china.


Tavola finale.

< Pagina precedente